top of page
  • C.

Un mese sull'isola: Ottobre


L'autunno è finalmente arrivato, portando con sé una fresca brezza e una nuova serie di avventure letterarie. Ottobre è il mese in cui le foglie iniziano a cambiare colore e le notti si fanno più lunghe, offrendoci l'atmosfera perfetta per tuffarci in un buon libro.

E sappiate una cosa: questo mese non ci ha deluso!


"La casa del mago" è la casa del padre di Trevi, celebre psicanalista junghiano, in cui si ritrova a vivere alcuni anni della sua vita. Un mappa che usa per ricostruire la vita del padre e il rapporto con lui. Che meraviglia di scrittore: un grande esempio di autofiction in cui il dolore per la perdita si mescola alla dolcezza del ricordo e all’ironia verso sé stesso e i casi della vita.


Mese in compagnia di Emanuele Trevi e del suo immenso talento che ci dona un libro non comune, capace di spiazzare come sempre sul concetto di genere letterario. Se amate PPP come me non potete non leggerlo, c'è lui, c'è tutto il suo mondo e c'è Petrolio, quell'affascinante ma spaventoso oggetto che mi guarda da anni dal comodino. Vuoi mai che questa sia la volta buona...



"Cuore di tenebra" è un'opera letteraria profonda e angosciante che esplora le oscure profondità dell'animo umano. Conrad offre una visione inquietante della depravazione e della brutalità umana in un "romanzo mito", intenso e riflessivo che sfida il lettore a esplorare i recessi più oscuri della natura umana.




Libro di ottobre del nostro gruppo di lettura, "L'anno della lepre" è il libro cult di Arto Paasilinna da cui mi aspettavo sicuramente troppo. Storia esageratemente surreale in cui ho faticato ha trovare il "perché", quel qualcosa che ti porti a casa una volta finito. Non mi ha stimolato grandi, ma neanche piccole, riflessioni. Mah.



Non leggevo Bukowski da molti anni; come per molti è stato un autore che ho divorato in adolescenza ma poi abbandonato. Rileggerlo è stata una conferma di ciò che provoca in me: amore e odio. Misogino, cinico, volgare ed egocentrico ma capace come pochi di vedere davvero il mondo e l'animo umano e di saperlo giudicare senza censure o paure.



Libro di cui si sta parlando molto, così come della sua autrice. Appare come una storia dalla trama semplice ma nasconde grandi contenuti. In poche pagine riesce a porre interrogativi con cui non è facile confrontarsi e mette in luce una pagina oscura di un passato recente. "Quali e quante ingiustizie scegliamo di ignorare?"



Non si discutono le grandi qualità letterarie di questa giovane autrice irlandese. Dopo "Tempi eccitanti" un altro bel romanzo che racconta il caos della vita di coppia ai giorni nostri. Un libro giovane ma non per soli giovani.

Divertente, intelligente e sagace.






Michi, ci manchi da morire ma perfortuna ci hai lasciato molte cose da leggere e rileggere. Come questo tuo saggio ficcante, sagace, diretto e acuto come solo sapevi essere tu. In poche parole, Murgia coglie perfettamente uno dei più grandi problemi di fronte al quale ci troviamo ancora oggi: una donna che parla.



E dopo la Murgi uno dei suoi migliori amici, così come uno dei nostri, ci piace pensare. Saviano scrive da dio, e lo sappiamo bene, e in questa raccolta di testi emerge come sempre il suo talento di grande scrittore e il suo costante impegno contro tutto ciò che è ingiustizia. Roberto, tieni botta.





Che sia un volume di 1200 pagine sul conflitto Israele-Palestina (parlo di Apeirogon che mai come oggi dovrebbe essere riletto da tutti) o una breve raccolta di 3 racconti come questa, Colum McCann riesce sempre in ciò che deve fare la grande letteratura: renderti una persona migliore.




Il neuroscienziato giapponese Ken Mogi ci racconta dell'Ikigai, disciplina orientale che conduce alla felicità. Cinque pilastri da seguire per scoprire la nostra ragione di vita e trovare i motivi per alzarci la mattina. Non ne condivido l'aspetto trascendentale, ma lo ritengo comunque un interessante viaggio alla scoperta del Giappone e dei suoi valori.




Una raccolta di racconti di una scrittrice che ritengo la più talentuosa del panorama italiano degli ultimi anni. E' ironica, tagliente, intelligente (lo si intuisce già dal titolo) e originale.

Un esempio di scrittrice moderna da consigliare a chiunque.

Vi farete due risate ma vi stimolerà anche grandi spunti per interessanti riflessioni.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page