• Thebloodyisland

SiamoSerie


Come fa una serie "teen" a piacere tanto a due donne di...no! L'età è meglio se non ve la diciamo. Diciamo solo che di quei ragazzi potremmo essere le madri.

Quei ragazzi sono: Joey, Jayson, Siddhartha, Dom e Leila e la serie di cui sono i protagonisti è "Grand Army" nome del college di Brooklyn che i 5 frequentano. Ambientato nei primi mesi del 2020 (c’è anche un riferimento al coronavirus in uno degli episodi) esplora senza filtri le vite, le paure, i sogni e i rischi della famosa generazione Z.

Molti sono i temi trattati: povertà, identità sessuale, femminismo, violenza sessuale, razzismo e la vita dei 5 protagonisti è una riflessione profonda su ognuno di questi temi.


Joey è una ragazza vivace, consapevole della propria sessualità e determinata a smuovere il sistema patriarcale della scuola; Jayson è un ragazzo di colore dal grande talento musicale che si scontrerà con il razzismo sistemico del suo paese, Siddhartha è un ragazzo indiano, promessa del nuoto e studente modello che, con l'obiettivo di entrare ad Harward, si metterà a nudo davanti a sé e alla sua famiglia; Dom è una ragazza di origine haitiana che vive in condizioni di povertà, combattuta tra i suoi sogni e il senso di dovere e infine Leila, ragazza di origini cinesi adottata alla nascita, che fatica a integrarsi e vive una profonda crisi d'identità.


Queste sono le loro storie e la serie le affronta nel modo più vero, intenso, intelligente e onesto che si sia mai visto.

Leggiamo in alcune recensioni, a nostro avviso troppo critiche, che affronterebbe gli argomenti sopra citati con una certa superficialità. Crediamo invece che sia realizzato talmente bene che dovrebbe essere fatto vedere obbligatoriamente a tutti, soprattutto ai ragazzi maschi adolescenti, perché sono da educare alla realtà, all'empatia, alla tolleranza e al femminismo, come lo eravamo noi del resto, che però non avevamo serie tv di questo calibro a disposizione, serie che usano il linguaggio giusto, che parlano proprio a te e di te.

Non mancheremo di farlo vedere ai nostri nipoti perché prendano coscienza di un mondo femminile non stereotipato, libero e consapevole. Sarà stimolante parlarne con loro, confrontarsi, sentire anche i loro pareri, e capire se, come è sembrato a noi, si tratta di una serie che può far cambiare idea su molti temi, grazie a un punto di vista originale e illuminante.

La sceneggiatura è eccellente ma questa serie indimenticabile ci ha appassionato molto anche grazie alla grandissima prova attoriale di questi giovani artisti, incredibili. Non potranno lasciarvi indifferenti. Su tutti, Odessa A'Zion, nei panni di Joey, una vera rivelazione.

Insomma, in questi tempi di forzato isolamento, queste serie sono un arricchimento; ci aiutano senz'altro a far passare il tempo ma in maniera intelligente ed educativa.