• Thebloodyisland

Friday i'm in love


2019.

Quasi 120 libri letti.

Più di 30 serie viste.

Film...pochi ma buoni.

Tanta musica come sempre ad accompagnare le nostre giornate e quanti post?...con questo fanno 129!

Tanta roba.

E di tutta questa roba (di cui vi abbiamo già parlato durante l’anno), ecco una selezione del meglio.

Libri:

Non è stato per niente facile selezionare pochi libri tra i tanti e belli di quest'anno ma, dopo diversi confronti e riflessioni, ecco la nostra Top 6 (in un mondo di Top Ten e Top Five ci sembrava doveroso distinguerci):

• "Vite che non sono la mia" di Emmanuele Carrere: questa non vuole essere una classifica ma se lo fosse, questo libro sarebbe certamente al primo posto. Vince con facilità anche la classifica dei più consigliati: abbiamo cercato di divulgare il verbo di Carrere il più possibile; uno scrittore che sa toccare le corde giuste e ci ha completamente travolte.

• "Ossigeno" di Sacha Naspini: adesso che abbiamo scoperto questo autore toscano non lo abbandoneremo più.

• "Febbre" di Jonathan Bazzi: opera prima che ha tanto fatto parlare, un’autobiografia toccante, un giovane scrittore di cui avevamo bisogno.

• "Non mentirmi" di Philippe Besson: un primo amore, vero e impossibile, che ha segnato la vita dello scrittore e la segnerà a chi lo leggerà.

• "Il Salto" di Sarah Manguso: "Una lunga e profonda riflessione, un flusso di pensieri che fanno riflettere e commuovere, sulla vita, sulla morte e sull'amicizia".

"Chiedimi scusa" di Eve Ensler: delle tante letture femministe di questo 2019 abbiamo scelto questa importante testimonianza di come si possa sopravvivere a una vita di abusi, sperando che sia di aiuto a tante donne.

Unico "peggiore", che vince a mani basse ..."Noi, felici pochi" di Patrizio Bati: quasi inclassificabile, paraculo, vuoto, lasciate stare, fidatevi!

Film:

La favorita: con la fantastica protagonista, forse attrice dell'anno con un certo distacco, Olivia Colman. Imperdibile.

Il re: una vera sorpresa. Timotee Chamalet si conferma grande attore in uno dei film storici più belli degli ultimi anni. Ispirato all'Enrico V di Shakespeare.

Joker: cosa possiamo dirvi che non sia già stato detto... Joaquin, ci vediamo a Febbraio con la statuetta in mano.

Storia di un matrimonio: "Un film che mette in ginocchio lo spettatore mostrandogli una serie di dure verità raccontate attraverso un’empatia straziante che ci fa capire che cosa vuol dire davvero essere vivi, amare e soffrire".

Serie TV:

Fleabag, stagione 2: finalmente il mondo si è accorto di Phoebe Waller Bridge.

Chernobyl: come raccontare il disatro nucleare di Chernobyl e farne un capolavoro vero.

Unbelievable: uno stupratore seriale, due detective donne, una miniserie tra le più belle mai viste.

After Life: Ricky Gervais e il suo Humor cinico stavolta velato di bontà, ma giusto un pizzico, tranquilli.

The Spy: "È Tutto perfetto in questa serie, a partire dagli attori, primo fra tutti il protagonista Sacha Baron Cohen, strepitoso"

• Sex Education: "niente sesso, siamo inglesi"...in questo caso non si può proprio dire.

L'ultimo dell'anno è un giorno strano, tutti si aspettano che tu abbia voglia di festeggiare ma si sa, non è quasi mai così.

È un giorno da condividere, certo, ma anche uno dei pochi che ti fa pensare al tempo che scorre e ti impone di fare classifiche (come la nostra), progetti per l'anno a venire ma anche ricordare quelle poche cose per cui vale la pena di vivere.

Ognuno ha le proprie, alcuni ne hanno tante ma tutti ne abbiamo almeno un paio e noi vi consigliamo di fare questo, la notte di Capodanno: ricordarvi le cose che vi fanno felici.

Buon anno...e grazie.